Home Casa Certificato APE: di cosa si tratta e a cosa serve?

Certificato APE: di cosa si tratta e a cosa serve?

Date

La vendita o l’affitto di un immobile sono vincolati dalla presenza del cosiddetto certificato APE, ossia l’Attestato di Prestazione Energetica.

Si tratta di un sistema di valutazione utile per fornire informazioni sulla qualità energetica degli immobili tramite un sistema di classificazione e promuove l’efficienza energetica, tramite l’individuazione di metodologie di calcolo della prestazione energetica degli edifici.

Vediamo nello specifico quando il certificato APE è obbligatorio, a cosa serve e come si ottiene.

Il certificato APE: norme e linee guida

Il certificato energetico (APE) è un attestato che consente di avere tutte le informazioni su come è stato costruito un edificio sotto il profilo dell’isolamento termico e del consumo energetico. Questo documento viene redatto da un tecnico abilitato tramite un sopralluogo all’immobile.

L’APE è, dunque obbligatorio per atti di vendita o affitto di un immobile. La copia dell’APE dev’essere, infatti, allegata al contratto.

Si tratta, dunque, secondo le normative vigenti, di un documento obbligatorio da fornire all’acquirente o all’affittuario in caso di compravendita immobiliare e per le locazioni di interi edifici. Copia dell’APE deve essere allegata al contratto.

Dal primo ottobre 2015 sono entrate in vigore le nuove linee guida nazionali per la redazione del modello di Attestazione di Prestazione Energetica.

Come stabilire le classi energetiche

Gli elementi che vengono presi in considerazione nell’evidenziazione delle classi energetiche sono i seguenti:

  • caratteristiche di murature e infissi;
  • caratteristiche geometriche dell’ambiente;
  • impianto per l’acqua calda;
  • impianti di raffreddamento e riscaldamento dell’ambiente;
  • eventuali sistemi di produzione di energia rinnovabile.

Secondo legge questo documento stabilisce l’efficienza energetica degli edifici. Viene rilasciato al momento della locazione, o acquisto dell’immobile e resta valida 10 anni.

Come detto a rilasciare la certificazione è un tecnico abilitato con competenze in materia di efficienza energetica degli edifici.

Quali sono i documenti necessari

Per redigere l’APE di un qualsiasi edifico è necessaria una documentazione specifica che comprende:

  • codice fiscale e documento di identità del proprietario;
  • libretto dell’impianto centrale;
  • libretto degli impianti autonomi;
  • planimetria catastale dell’immobile;
  • visura catastale.

VisureSmart.it ti consente di ottenere la planimetria catastale e la visura catastale dell’immobile comodamente da casa tua, con pochi e semplici click.

I contenuti dell’APE

Infine l’Attestato di Prestazione Energetica contiene le seguenti informazioni:

  • la prestazione energetica globale;
  • la classe energetica determinata attraverso l’indice di prestazione energetica globale;
  • la qualità energetica del fabbricato;
  • i valori di riferimento, quali i requisiti minimi di efficienza energetica;
  • le emissioni di anidride carbonica;
  • gli indici di prestazione energetica rinnovabile e non rinnovabile e l’energia elettrica esportata;
  • la quantità annua di energia consumata per vettore energetico;
  • l’elenco dei servizi energetici con le relative efficienze;
  • le raccomandazioni per il miglioramento dell’efficienza energetica

Categorie