Esonero contributi, Iscro e agevolazioni per Partite IVA

Esonero contributi

L’esonero contributi per Partite IVA è contenuto nel testo del decreto attrattivo del Ministero del Lavoro. L’anno bianco fiscale per i lavoratori autonomi prevede delle regole e dei requisiti che spiegano come funziona il riconoscimento dell’agevolazione per gli iscritti all’INPS e alle Casse private. L’importo massimo dell’esonero dei contributi Partite IVA sarà pari a 3 mila euro. I requisiti sono:

  • Essere in possesso di un reddito complessivo 2019 non superiore a 50 mila euro.
  • Aver subito un calo di fatturato o dei corrispettivi nell’anno 2020 non inferiore al 33%.
  • Essere in regola con la contribuzione obbligatoria.  

Il servizio Visura Partita Iva è il servizio che consente di accertare se il numero di Partita IVA è corretto in Agenzia delle Entrate, a chi è intestato, se la stessa risulta attiva, sospesa o cessata e qual è la data di inizio attività.

Esonero contributi: beneficiari

Nel dettaglio, l’esonero contributi per Partite IVA si applica a:

  • Lavoratori iscritti alle gestioni speciali dell’AGO (artigiani e commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri).
  • Lavoratori iscritti alla gestione separata. Sono anche compresi i lavoratori soci di società e i professionisti componenti di studi associati. 
  • Professionisti iscritti agli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza. 
  • Medici, infermieri e altri professionisti e operatori a cui siano stati conferiti incarichi di lavoro autonomo o di collaborazione per far fronte all’emergenza Covid-19

La domanda per l’esonero contributi Partite IVA devono essere inviate entro il 31 luglio 2021 per gli autonomi iscritti all’INPS ed entro il 31 ottobre 2021 per i professionisti con Cassa.

Iscro per autonomi: cassa integrazione per Partite IVA

Dopo quest’anno particolare in cui i liberi professionisti sono stati i più colpiti dalla crisi, ora anche gli autonomi hanno diritto alla cassa integrazione. Si chiama Iscro, l’Indennità straordinaria di continuità reddituale e operativa che è stata introdotta dalla Legge di Bilancio 2021 dopo l’accordo al Governo. I titolari di partita Iva iscritti alla gestione separata Inps e in possesso di determinati requisiti, oltre all’esonero contributi, potranno dunque accedere alla nuova cassa integrazione. Iscro garantisce un assegno mensile compreso tra i 250 e gli 800 euro.

La domanda dev’essere presentata online dal titolare della Partita Iva all’Inps, che erogherà gli importi entro il 31 ottobre di ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023.

Iscro per autonomi: chi può accedere 

In via sperimentale, per il triennio 2021-2023, l’Inps potrà dunque erogare l’Iscro agli iscritti alla Gestione Separata. A essere esclusi saranno per esempio architetti, avvocati, medici e giornalisti, in quanto iscritti a una cassa di previdenza privata. I potenziali destinatari della nuova cassa integrazione devono avere determinati requisiti.

  • Essere titolari di Partita Iva da almeno 4 anni (per verificare in tempi brevi se rientri in questo requisito, puoi scaricare qui la tua Visura Camerale). 
  • Aver prodotto, nel corso dell’anno precedente a quello in cui si fa richiesta, un reddito inferiore del 50% della media dei redditi prodotti nel corso dei tre anni prima. 
  • Aver dichiarato un reddito inferiore a 8.145 euro.
  • Essere in regola con il versamento dei contenuti.

Se si chiude la Partita Iva, anche l’Iscro cesserà di essere versato.

Altre agevolazioni per Partite IVA

All’esonero contributi per Partite IVA e all’erogazione dell’assegno mensile Iscro, si aggiunge poi una serie di altre misure varate a sostegno dei lavoratori autonomi che hanno subito gli effetti della crisi economico-sanitaria. Le nuove agevolazioni riguarderanno:

  • Sconti sulla tassa rifiuti.
  • Esenzione dal canone radiotelevisivo.
  • Bonus fino a 2.400 euro per i lavoratori stagionali.
  • Esenzione della prima rata dell’IMU per gli immobili commerciali.
  • Bonus affitto per i locali commerciali e industriali.
  • Bonus relativi al turismo e al mondo dello spettacolo.

Powered by VISURESMART.IT srl

Società a socio unico

Sede legale: Via Bertola 2,
10121 Torino (TO)

Sede operativa: Via Arsenale 27
10121 Torino (TO)

P.Iva: 12341450018

Licenza SCIA prot. n. 45055
del 30/09/2020

Mail: info@visuresmart.it