VisureSmart News

Lavoro: aliquote e calcolo della nuova Irpef 2022

aliquote irpef

Come cambiano le aliquote Irpef nel 2022

Il sistema di tassazione italiano è in costante riforma e la revisione delle misure di sostegno alle famiglie presentano delle novità per le buste paga dei lavoratori subordinati. Sono infatti cambiate dal 1 gennaio 2022 le aliquote Irpef.

Vediamo cosa è successo nel concreto.

Aliquote e Irpef: i cambiamenti del 2022

Dal 1 gennaio 2022 sono mutate le aliquote Irpef. L’obiettivo è la riduzione delle aliquote degli scaglioni medio-bassi e la compressione degli scaglioni. Agli Enti locali è stato dato tempo sino al 31 marzo per adeguare le addizionali al nuovo sistema a 4 aliquote.

Nello specifico le nuove aliquote dovrebbero essere così suddivise:

Rispetto alla divisione precedente, il penultimo scaglione si ferma a 50mila euro e non più a 55mila. Scompare, inoltre, lo scaglio che comprendeva dai 55mila euro ai 75mila, tassato del 41%.

Le aliquote intermedie, un tempo tassate del 27% e 38%, ora scendono al 25 e 35 per cento.

Le nuove aliquote Irpef sono in vigore dal 1° gennaio, ma come accennato, gli Enti locali hanno tempo sino al 31 marzo per adeguarsi.

Si tratta di uno sconto medio annuo di 264 euro per le fasce medio-basse. Tuttavia non appare immediato e necessita di tempo per l’adeguamento dei software delle buste paga e l’effetto giungerà a marzo.

Leggi anche: Scadenze fiscali del 2022: le date da ricordare

Cosa cambia per i lavoratori

Nello specifico si tratterà di una riduzione media di prelievo per 27,8 milioni di contribuenti.

In media si stima che i redditi tra i 42mila e i 54mila euro dovranno versare nelle casse dell’erario una media di 765 euro in meno. Questa fascia, indiscutibilmente benestante, pari al 3,3% dei contribuenti beneficia in parte della riduzione dell’aliquota da 38 a 35 per cento, al contrario dei redditi superiori a 50mila che passano direttamente al 43%.

Esemplificando, i dirigenti avranno una riduzione delle imposte di 368 euro. Quella degli operai sarà invece pari a 162 euro, mentre gli impiegati avranno un taglio delle imposte di 266 euro.

Altre novità

La circolare si sofferma sulle modifiche agli scaglioni e alle aliquote Irpef, nonché su misure e modalità di calcolo delle detrazioni per lavoro dipendente, pensione, redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e altri redditi. Parla, inoltre, di novità in materia di trattamento integrativo dei redditi di lavoro dipendente pari a 1.200 euro annui. Entra nel dettaglio, poi, dell’abrogazione della detrazione fiscale per redditi di lavoro dipendente e assimilati in caso di reddito complessivo ricompreso tra 28 e 40 mila euro (sempre al comma 3 della Legge di Bilancio 2022) e dell’impatto dell’esonero contributivo parziale, per il 2022, a favore dei dipendenti con reddito inferiore a 34.996 euro (art. 1, comma 121, legge n. 234/2021).

Exit mobile version