Superbonus 110%, tutto quello che c’è da sapere sulla nuova agevolazione

Superbonus 110%, la guida

Che cos’è il Superbonus

Il Superbonus è una misura prevista dal decreto Rilancio che ha incrementato al 110% l’aliquota delle detrazioni sulle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 per interventi di efficienza energetica, riduzione del rischio sismico e installazione di impianti fotovoltaici. L’agevolazione fiscale è concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici o riducono il rischio sismico degli stessi.

Gli interventi per i quali è riconosciuto

Come previsto dall’articolo 119 del decreto Rilancio, le detrazioni sono riconosciute per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, per i seguenti interventi:

  • isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l’involucro degli edifici;
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, e/o il raffrescamento e/o la fornitura di acqua calda sanitaria sulle parti comuni degli edifici, o con impianti per il riscaldamento, e/o il raffrescamento e/o la fornitura di acqua calda sanitaria sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari site all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno;
  • interventi antisismici e di efficientamento energetico;
  • installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici.

Inoltre, il Superbonus spetta anche per le seguenti installazioni, a condizione che siano eseguiti congiuntamente con almeno una operazione di quelle precedentemente citate: installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica sugli edifici; installazione -contestuale o successiva – di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici agevolati.

Chi ne può usufruire

Ma chi sono i beneficiari del Superbonus? Come specificato dall’Agenzia delle Entrate, si tratta del proprietario, del nudo proprietario o del titolare di altro diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie), purché in possesso del consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario. Inoltre, il Superbonus si applica agli interventi effettuati da:

  • condomini;
  • persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni;
  • Istituti autonomi case popolari (Iacp) – per questi soggetti il Superbonus spetta anche per le spese sostenute dall’1 gennaio 2022 al 30 giugno 2022;
  • cooperative di abitazione a proprietà indivisa;
  • organizzazioni non lucrative di utilità sociale, organizzazioni di volontariato iscritte nei registri di cui alla legge n. 266/1991, associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionali, regionali e delle provincie autonome di Trento e Bolzano previsti dall’articolo 7 della legge n. 383/2000;
  • associazioni e società sportive dilettantistiche iscritte nel registro istituito ai sensi dell’articolo 5.

Le detrazioni e i relativi interventi

Le agevolazioni previste per gli interventi di efficientamento energetico (Ecobonus) sono le seguenti:

Quello che segue è invece il prospetto con le detrazioni per gli interventi antisismici (Sismabonus):

Come ottenere la detrazione

Il Superbonus 110% può essere utilizzato come detrazione pari al 110% recuperabile in 5 anni. Diversamente, può essere trasformato in uno sconto sul corrispettivo dovuto al fornitore, il quale potrà recuperarlo come credito d’imposta o cederlo ad altri (banche, operatori finanziari ecc). In ogni caso, per richiedere il Superbonus bisogna presentare obbligatoriamente i seguenti documenti:

  • attestato di prestazione energetica (APE), per i dati sull’efficienza energetica dell’edificio;
  • scheda informativa sugli interventi realizzati;
  • certificazione di un tecnico abilitato per confermare la conformità degli interventi ai requisiti richiesti o visto di conformità.

Chi effettua i lavori può essere pagato tramite bonifico bancario, e inoltre, entro 90 giorni dalla fine del cantiere, i diretti interessati dovranno trasmettere all’Enea (l’Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, energie e lo sviluppo economico sostenibile) la scheda con gli interventi realizzati.

Fonte: Superbonus 110%- Agenzia delle Entrate